works                ehxibitions                about



Dimensional spasm (Performing the 4th dimension) - Lorenzo Papanti

video installation

The reality in which we live is made up of 3 spatial dimensions (x, y, z) perfectly represented by the intersection of three orthogonal walls that converge at a point of origin.
The work is designed to be projected in the upper corner of the exhibition space, where the video is freely decentralized. Thanks to the visitor's perception of perspective, the three-dimensional space of the room is altered in a four-dimensional space (x, y, z, w), through the extrusion of the hollow 3D cube enclosed by the walls in a 4D hypercube (tesseract)*.
In this way an overlap is generated within reality, where the limbs under physical tension move through the 4 spatial dimensions and the temporal component.
The constituted unity crosses and confuses the concept of physical space and mental space, since the fourth dimension can only be perceived and constructed on an intellectual level.

*Note: As in a two-dimensional plane (x, y) a three-dimensional object is perceived only thanks to its movement or rotation through the plane itself, in a three-dimensional space (x, y, z) a four-dimensional object is perceived thanks to its movement or rotation through the space itself. Just as a cube is perceived as a polygon within a plane, a hypercube can be represented in space through a polyhedron. The 4D hypercube consists of 16 vertices, 32 sides, 24 faces, 8 volumes.

video installation viewLa realtà nella quale viviamo è costituita da 3 dimensioni spaziali (x,y,z) perfettamente rappresentate dall'intersezione di tre pareti tra esse ortogonali che confluiscono in un punto d'origine. L'opera è progettata per essere proiettata nell'angolo superiore dello spazio espositivo, dove il video risulta liberamente decentrato. Grazie alla percezione prospettica del visitatore, lo spazio tridimensionale della stanza viene alterato in uno spazio quadridimensionale (x,y,z,w), attraverso l'estrusione del cubo 3D cavo racchiuso dalle pareti in un ipercubo 4D (tesseratto)*.
Si genera così una sovrapposizione all'interno della realtà, dove gli arti sotto tensione fisica si muovono attraverso le 4 dimensioni spaziali e la componente temporale.
L'unità costituita attraversa e confonde il concetto di spazio fisico e spazio mentale, in quanto la quarta dimensione può essere solamente percepita e costruita a livello intellettuale.


*Nota: Come in un piano bidimensionale (x,y) un oggetto tridimensionale è percepito solamente grazie al suo movimento o rotazione attraverso il piano stesso, in uno spazio tridimensionale (x,y,z) un oggetto quadridimensionale è percepito grazie al suo movimento o rotazione attraverso lo spazio stesso. Così come un cubo viene percepito come un poligono all'interno di un piano, un ipercubo può essere rappresentato nello spazio attraverso un poliedro. L'ipercubo 4D è costituito da 16 vertici, 32 lati, 24 facce, 8 volumi.

© Lorenzo Papanti - 2019